ELETTRICISTA GENERALISTA

By | giugno 14, 2016

SAI COME SI COMPORTA UN ELETTRICISTA GENERALISTA?

images
E’ successo a me, purtroppo mi sono comportato da elettricista generalista. PROMETTO CHE NON LO FARO’ MAI PIU’.

E’ successo che qualche settimana fa, sono andato a fare un sopralluogo su un cantiere per un mio cliente.

E’ un appartamento di 200mq da trasformare in un affittacamere a 6 stanze.
Alla richiesta ero euforico, contento,entusiasta per una commissione nel mio piccolo così GRANDE.

Teoricamente,realizzare un impianto elettrico per un affittacamere rientra nel focus di ElettricistaRapido specializzato solo in impianti residenziali.
Non è altro che un locale con 6 camere da letto dotati di bagno e le parti comuni divisi da un corridoio.

Semplicemente è una casa con 6 camere da letto,6 bagni e un corridoio. Fine. Non cè altro.

Fin qui tutto bene, rientro nel focus e si può procedere con la consulenza.

“Sai Gianluca,vorrei che mi realizzassi anche l’impianto di controllo accessi.”

“Nessun problema sig. Rossi, provvederò anche a quello!”

Hai presente la soddisfazione negli occhi di un bambino quando gli regali una caramella?? Ecco, io ero così. Euforico,entusiasta e non vedevo l’ora di realizzare il preventivo per questo impianto.

Per me era qualcosa di grande. Un impianto del genere mi aveva appassionato. Nel mio piccolo camminavo a 3 metri da terra. Mi sentivo un figo. Avevo già attivato il cervello in modalità “ricerca la miglior soluzione”.

MA PURTROPPO QUALCOSA ANDO’ STORTO.

images-1Qualche sera dopo, iniziai a realizzare il preventivo. Feci un rapido calcolo di un impianto per una classica camera matrimoniale e la moltiplicai per 6. Il calcolo del corridoi era come un corridoio normale di casa ,ovvero; un punto luce,3 punti di comando e tre prese di servizio.

Automatizzare 10 tapparelle in domotica è stato semplice e anche realizzare l’offerta per il quadro elettrico generale.

ARRIVATI FIN QUI SEMBRAVA TUTTO OK QUANDO INVECE..

Mi ero segnato quel famoso Controllo Accessi che il cliente mi aveva commissionato. Quando ero con lui dicevo tra me e me che avrei sicuramente trovato qualche schema guida per realizzare l’offerta. L’avevo preso sotto gamba. Non avevo badato alle mie capacità tecniche in questo momento.

Semplicemente, un controllo accessi non lo avevo mai realizzato in vita mia professionale.

Per farti capire, il controllo accessi è quel tipo di impianto che trovi negli hotel. L’apertura della porta della tua camera tramite badge e sempre tramite badge l’attivazione dell’energia elettrica nella stanza.

Senza il badge non entri e senza il badge non hai luce in camera. Questo è un po il riassunto di ciò che è questo impianto.

ERO LETTERALMENTE FOTTUTO.

Al momento di preparare l’offerta, mi sono accorto che ero in panne totale. Non sapevo da dove partire con questo benedetto controllo accessi. Non sapevo quali componenti servivano in base al bisogno. Non sapevo che prezzi guardare. Non sapevo che marca scegliere e quale avrebbe creato meno problemi in futuro.

Insomma non sapevo un fico secco di niente. Mi sono sentito un cretino,un incapace e un bugiardo nei confronti del mio cliente. Mi sono sentito come quelli che “prendo tutto per sicurezza e poi ci pensiamo”.

Ma il rapporto con i clienti non funziona così. Io questo lo so e l’ho sempre saputo. Devo essere sempre sincero in base alle mie competenze del momento. Avrei dovuto sapere che realizzare questo tipo di impianto mi avrebbe portato via del tempo prezioso e soprattutto energia.

Trovo il modo di fare l’offerta ma che ne sarà quando dovrò realizzare l’impianto? Sarò in grado? Sembra più difficile del previsto? Non lo so, lo scoprirò quando sarà ora. Farò esperienza con questo mio madornale errore. Non dovrà più succedere che io prenda lavori nei quali non ho mai ficcato il naso.

E’ questa la vera professionalità dello specialista. Non ficcare il naso in cose in cui non si è competenti al 1000% perché richiedono tempo,denaro ed energie.

IO PERO’ IN QUESTO ERRORE HO TROVATO UN LATO POSITIVO.

Come sai sono in battaglia aperta con i colleghi generalisti (quelli del faccio tutto io) e questa piccola esperienza negativa che ho provato sulla mia pelle, va a fortificare ancora di più il mio concetto ElettricistaRapido specialista in impianti residenziali.

images-2Immagina di vedere il mio settore come un albero dove il fusto principale è la corrente e tutti i rami le varie categorie che sono: allarmi, antincendio,impianti industriali,plc,domotica,fotovoltaici,impianti tv,impianti telefono,impianti per la trasmissione dati ecc ecc.

Hai capito di quante cose parliamo quando diciamo CORRENTE??
Hai idea di cosa vuol dire stare al passo con tutte le novità di ogni giorno in ogni singolo ramo??

Secondo te un elettricista riesce ad avere esperienza in tutte queste cose che ti ho citato? Sono cose che vede e fa tutti i giorni?

Te lo dico io come funziona. Non riuscirà MAI a stare al passo con i tempi e gli aggiornamenti. Matematicamente impossibile.

Guarda la mia esperienza. Sono specialista nel residenziale e ho peccato con un controllo accessi. Ho incanalato un piccolo rametto e sono andato fuori strada.

Sappi che ciò che è successo a me, succede spesso al generalista.

Lo specialista deve scegliere bene un ramo di quell’albero e deve farlo germogliare bene.

D’ora in avanti prometto che io personalmente rifiuterò qualsiasi mansione che mi verrà chiesta se non ho le competenze giuste.

ElettricistaRapido–> lo specialista degli impianti elettrici residenziali!!

2 thoughts on “ELETTRICISTA GENERALISTA

  1. Cristian

    Ma se non sei in grado di farlo perché non commissionarlo ad una azienda specializzata? Appaltavi il lavoro.
    Se non prendi anche il lavoro del controllo accessi rischi di bruciarti anche le camere.
    Io la vedo così…

    Reply
    1. elettricista@rapido Post author

      Infatti il controllo accessi l ho appaltato ad un tecnico specializzato.

      Grazie per il tuo commento.

      Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *